Nel 2017, in Italia, è morto un bambino di morbillo.

collodipapero

Mi spiace, non ce la faccio. Continuo a pensare che è normale, che è colpa dei bias di conferma che portano chi ha una convinzione a focalizzarsi sempre più su di essa, ignorando le argomentazioni contrarie, ad aver fatto sì che così tanta gente avesse paura dei vaccini. Provo a pensare alle responsabilità dello Stato, della sanità, degli organi d’informazione, provo a pensare a cosa può averci portato a questa situazione. Continuo a provare a concentrarmi sull’empatia, sulla compassione, ma a questo giro non ce la faccio. Quando ho appreso la notizia della morte per morbillo di un bambino di sei anni, superati lo shock e la tristezza iniziale, ho sperato genuinamente che si fosse trattato di una tragicissima casualità, uno di quei casi imprevedibili in cui la colpa non è di nessuno.
Continua a leggere

Annunci

Alpha Wonder Woman

Grande successo per il film di Wonder Woman, ma nulla in confronto al successo delle sperticate sulla incredibile presenza di un supereroe donna.
Come ha scritto la fantastica pagina Facebook Freeda:
Abbiamo bisogno di supereroi donne, perché ogni donna è un supereroe.

Continua a leggere

Le 10950 cose che ancora non sapete su Twin Peaks

ostruzioniIn occasione della nuova stagione di Twin Peaks e dell’inattesa – a tratti schizoide – accoglienza pure da parte di chi non ha ancora capito che cazzo c’era nel cartoccio di plastica sulla riva del lago, ecco alcune curiosità. Continua a leggere

Il diritto di chiamarli col loro nome.

punkgiorno

Don’t call me white, don’t call me white! We’re better off this way, say what you’re gonna say, so go ahead and label me an asshole, cause I can accept responsibility for what I’ve done, but not for who I am.
Nofx – Don’t call me white

Volevo scrivere un pezzo sul pensiero logico, sulle diverse modalità con cui la nostra mente analizza ed elabora le informazioni, sul modo in cui a partire da delle premesse arriviamo a delle conclusioni, giuste o sbagliate che siano. Poi si è ricominciato a discutere della legge sulla cittadinanza, e tutti i miei buoni propositi sono finiti nel cesso, frustrati da una massa enorme di… di… oddio, come li chiamo?
Continua a leggere

A gambe all’aria

Torniamo alle facezie.
Polemiche per la campagna anti manspreading madrilena.

Di cosa si tratta? Pare che ci sia un problema di uomini che siedono nei luoghi pubblici con le gambe troppo divaricate.

E se ora vi state chiedendo “ma cosa cazzo sto leggendo?”, sappiatelo, siete tra amici. Continua a leggere

Una TV in pessimo Stato?

Le Iene ammettono che il servizio sul Blue Whale era gonfio di puttanate non verificate. Capirai la notiziona. Dopo la “dieta vegana che cura i tumori”, dopo il vergognoso endorsement nei confronti di Vannoni e alla truffa di Stamina, dopo gli hentai confusi con gli anime, dopo la balla su autismo e vaccini, dopo il “farmaco” antitumorale a base di veleno di scorpione prodotto a Cuba, insomma, dopo questi e altri servizi del cazzo talmente pieni di puttanate che a confronto bonsaikitten.com era Nature, nessuno dovrebbe riporre la minima fiducia nel programma di infotainment che ha fatto del detto “nomen omen” la propria bandiera.
Continua a leggere

Tifo e Staminali

Il paese è diviso.

Certo chi ricorda qualcosa dai libri di storia, o da gli album dei calciatori Panini, ricorderà anche che l’Italia è sempre stata una terra frammentata, ma mentre all’epoca di romani e barbari, come in quella di regnanti e sudditi, migliorarsi era una questione di possibilità, oggi è una questione di scelta.

C’è chi direbbe che è una questione di tifo.

Continua a leggere