Ma anche no

Gira da un po’ di tempo, ma ultimamente con una certa insistenza, una hoax vecchiotta sull’Alzheimer, reiterata dai maniaci della condivisione e dai soliti creduloni, nonostante sia già stata “smascherata” da tempo (e dalla medicina ufficiale). Eccola qua:

Ora, l’Alzheimer è una brutta bestia. Difficilmente ci si fanno battute su, anche perché l’Alzheimer è una brutta bestia. Difficilmente ci si fanno battute su.
Ancor più triste della battuta occasionale, però, è la diffusione di notizie false relative alla malattia; come se non bastasse, spesso queste notizie false possono non solo risultare fuorvianti, ma addirittura nocive per la salute altrui.
Intanto, tiriamo subito fuori i dati che smontano la bufala, presi dal sito dell’Alzheimer’s Association (ringrazio Rosalba Masi-Clark per la segnalazione, e ne approfitto per ringraziare anche tutti i ragazzi del Gruppo Anti Bufale di Facebook).

Aggiungiamo qualche considerazione. Le cause dell’Alzheimer sono ancora in parte ignote: si sa che viene di solito a età più o meno avanzata e che la presenza di altri casi in famiglia possa essere rilevante, e più o meno si sa “come” colpisce. Ma non c’è nessuna prova a sostegno di una relazione fra vaccini influenzali e aumento dell’incidenza dell’Alzheimer, anzi: pare che alcuni studi abbiano addirittura evidenziato una tendenza contraria.

L’Alzheimer, dicevo, è una brutta bestia, e proprio perché fa paura finisce in questo tipo di hoax. Ma se la colpa delle bufale “sociali” di cui ho parlato in questo articolo era di fare rumore di fondo, distogliere l’attenzione e cacarmi il cazzo a me, le stronzate di tipo medico come questa possono essere non solo dannose, ma talvolta anche letali. Eh, sì, care le mie testine a pinolo… ma che dico a pinolo, facciamo anche di cazzo: se voi dite al nonno ultrasettntenne magari già debilitato “non prendere il vaccino influenzale, che ti viene l’Alzheimer”, nel dirgli una vaccata galattica state anche mettendo a rischio la sua salute. Questo quando, consigliando roba a caso, non state facendo anche peggio.
Non è che i vaccini siano acqua fresca o palline di zucchero. Altrimenti non sarebbero vaccini, sarebbero prodotti omeopatici. Possono avere effetti collaterali, che possono essere anche gravi: nessuno lo nega. Però non aumentano le probabilità che vi venga l’Alzheimer. E’ una puttanata, come dire che il cancro era sconosciuto prima si diffondesse il vaccino contro il vaiolo o che malattie anche gravi sono causate da shock e conflitti biologici; una teoria medica, una terapia, deve essere testata su qualcuno di più di vostro cugino e da qualcuno che la laurea non l’ha comprata su internet. Vi fidate davvero di gente così? Sono niente più che truffe: avete pensato alle conseguenze?

Insomma, diffondere queste notizie può sembrare innocuo. Ma anche no.
E anche stavolta ho scritto troppo, quando basterebbe riassumere il mio pensiero così: “va bene essere imbecilli, ma almeno cercate di non essere pericolosi.”

[M.V.]

Annunci
Questo articolo è stato pubblicato in Caccole dal Web e contrassegnato come , , , da Marco Valtriani . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su Marco Valtriani

Marco Valtriani è l'ignobile ideatore di questo blog di dubbissimo gusto, fa il pubblicitario, l'autore di giochi da tavolo e quello che dà noia. Ha assunto nel tempo diverse identità farlocche al mero fine di trollare il prossimo, non sempre con garbo, spesso con gioia. Per hobby alleva grillini in un casolare di campagna, vendendoli agli alieni e ai poteri forti, e sparge scie chimiche per conto del NWO sugli allevamenti di beagle, come del resto fanno quasi tutti quelli della Ka$t4. Il motto della sua casata è "Hear Me LOL".

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...