Bacchettate



Contenuto a tratti offensivo di Kaddour Kouachi

Il messaggio di Grillo ai sette senatori che hanno permesso l’elezione di Grasso è stato chiaro. Gli ha fatto capire che può esporli al linciaggio da parte dei suoi adepti e non si è affrettato a smentire le voci che parlavano di espulsione, mettendo così in chiaro che, per chi non obbedisce al capo, la possibilità di trovarsi fuori da un momento all’altro è concreta.
Non so se nel contratto firmato dai parlamentari pentastellati con la Casaleggio Associati – ricordiamo che i grillini sono il primo gruppo parlamentare a render conto esplicitamente a un’azienda privata – l’espulsione dalla setta dal MoVimento sia legata anche all’abbandono del seggio, però è chiaro che le proporzioni della gogna cui verrebbero esposti coloro che dopo la scomunica di Grillo rifiutassero di dimettersi è già un forte deterrente in vista di future disobbedienze.

Non si creda però che ciò che è accaduto rimanga impunito: tutt’altro.
La vendetta, feroce, è arrivata da Casaleggio, la vera mente del M5S. Il metodo è vecchio: punire tutti per punirne uno (sette, in questo caso), in modo che siano i più fedeli, o i più spaventati, a preoccuparsi per primi che nessuno sgarri.

Non importa che tu abbia avuto il buonsenso di votare Grasso per scongiurare la rielezione di Schifani o che, come un imbecille, tu abbia votato scheda bianca o addirittura insistito sul tuo candidato nonostante si fosse al ballottaggio.

Da ora, se sei un senatore grillino, sei condannato a dover passare del tempo con quel coglione di Messora.

In ogni caso, te lo sei meritato.

[K.K.]

Annunci
Questo articolo è stato pubblicato in Caccole dal Web e contrassegnato come , , , , , da Marco Valtriani . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su Marco Valtriani

Marco Valtriani è l'ignobile ideatore di questo blog di dubbissimo gusto, fa il pubblicitario, l'autore di giochi da tavolo e quello che dà noia. Ha assunto nel tempo diverse identità farlocche al mero fine di trollare il prossimo, non sempre con garbo, spesso con gioia. Per hobby alleva grillini in un casolare di campagna, vendendoli agli alieni e ai poteri forti, e sparge scie chimiche per conto del NWO sugli allevamenti di beagle, come del resto fanno quasi tutti quelli della Ka$t4. Il motto della sua casata è "Hear Me LOL".

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...