Grazie a dio.

Posted by

Immagine

Sono un bestemmiatore. Per motivi gravi, ma anche meno gravi, ma anche futili, ma anche come intercalare, ma anche nel sonno, mi capita spesso di affiancare il nome del Signore a quello di un animale da fattoria.
Maleducato, lo so. Inelegante, quanto meno. Non voglio scusarmi, né giustificarmi, né ergermi a paladino di chissà cosa: è un dato di fatto, bestemmio.
Ma c’è una cosa che detesto: quando qualcuno, dall’alto della sua petulanza, mi domanda Ma se sei ateo e non credi in Dio, perché lo bestemmi? Non pensi che ai credenti dia fastidio?.
Sì, non credo che dio esista. Banalmente, quindi, dal mio punto di vista la bestemmia è un reato senza vittime. Semplice, no? È come se inveissi contro il coniglietto pasquale, contro Batman, contro l’intelligenza dei grillini.
È la seconda domanda a darmi sui nervi: i Cattolici, fin da quando siamo bambini, pretendono di inculcarci tutto ciò che è loro, dalla cultura alle tradizioni che spacciano per cristiane, dai crocifissi nei luoghi pubblici alle semplici campane del Duomo che suonano solenni alle 7 del mattino, fino alle insopportabili ingerenze quotidiane nella vita politica di una Nazione che, non lo si ricorda mai troppe volte, è laica.
Inoltre, se per costoro qualunque evento positivo è ragione utile per esprimere riconoscenza con un Grazie a Dio, è solo par condicio insultarlo per quelli negativi, non trovate?
Quindi sì, cari i miei cattolici, lo so che vi danno fastidio gli epiteti con cui apostrofo il vostro amico immaginario, ma io ho sopportato e sopporto di ben peggio da voi, quotidianamente. Per questo, nei vostri confronti, sono il Razzista del giorno.
E se tra voi lettori c’è qualcuno che utilizza forme di pseudobestemmia come porco dinci, porca madosca o il leccesissimo porcuddue, nei vostri confronti sono doppiamente razzista. Ipocriti.

[E.P.]

Annunci

4 comments

  1. Ciao sono un cattolico non molesto, o almeno credo, sono profondamente convinto che debbano essere criticati i credenti che fondano la loro opera di “conversione” solo sul fatto che non si debba bestemmiare, non badando alla sostanza e alla vera personalità con cui stanno parlando; oltre a questo mi trovi assolutamente sulle bestemmie mimetizzate.

    1. Personalmente sarei molto più felice di vedere un mondo in cui non si tenta di convertire gli altri, o almeno dove si lasciasse libertà di scelta a ognuno senza forzare la vita altrui a livello macro e microscopico quotidianamente, cosa che in Italia il cattolico medio (o perlomeno quello “istituzionalizzato”) invece fa anche inconsapevolmente.
      Ad maiora!

      1. In realtà più che di tentativi di conversione vera e propria (che solo pochi potrebbero fare) ai vari livelli si abbonda di moralizzatori e giudici dell’esteriorità, che sarebbero da defenestrare.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...