Che cazzo ne so?

In Sicilia accusato di peculato il deputato del PD Genovese, truffe nascoste da corsi di formazione.

E grazie al cazzo!

Non perché sia un politico, né perché il reato sia tanto diffuso da avere un nome proprio, né perché siamo in Sicilia e nemmeno perché si tratti di uno del PDmenoLtantosonotutti ugualituttiacasa. L’incazzatura “un tanto al chilo” che mi prende ‘stavolta, nella sua scontatezza, è che oggetto di frode sono corsi di studio e formazione.La formazione, escluso prenderlo nel culo, più onorabilmente riconosciuto come “arte di arrangiarsi”, è una di quelle tasche sociali da cui è possibile appozzare senza dare troppo nell’occhio, anzi, proprio una di quelle “occhio non vede, cuore non duole”, che quando una cosa non l’hai mai vista, non può certo mancarti. Tipo a me le tette della mia ex mancano, quelle di Jessica Alba un po’ meno. Ma questo è un discorso che non vale la pena di affrontare qui (tanto non mi legge nessuna delle due).

Il problema è pernicioso, e nonostante il termine richiami tenere immagini di animaletti pelosi e coccolosi, rimane una cosa brutta di quelle che quando te ne accorgi è quasi certamente troppo tardi, come quella scorreggia lasciata partire con troppa disinvoltura (a questo punto spero che le due di cui sopra non abbiano iniziato a leggermi proprio oggi).

Il risultato di tutto questo agile sfilare dal montarozzo dell’istruzione alimentando la fiducia di un ego che non ha bisogno d’imparare nulla è una società di convintissimi ignoranti.

Credenti che ti chiedono di dimostrare che dio non esiste, mentre non lo fai agiscono nel suo nome ostacolando medicina, ricerca, logica e giustizia.
Omeopatici che lascerebbero morire i (tuoi) figli, omeopatici convinti fino alla prima vera malattia.
Vegani di quarto livello che non mangiano nulla che proietti ombra, pronti a insistere della propria ragione fino alla morte. Almeno non vanno avanti a lungo.
Animalisti che “io quelli che fanno del male agli animali li ammazzerei tutti”, che non bisogna uccidere gli animali per nessun motivo al mondo, che non vandalizzano centri di ricerca il sabato perché vanno a comprare i croccantini di pollo per il gatto e il Baygon per gli scarafaggi.
Grillini/Padani/Tifosi vari che fanno della politica una cosa semplice come la loro mente, salvo poi arrivare al bivio della realtà: fare semplicemente cazzate o continuare a raccontare semplici balle.
Ambientalisti che “basterebbe chiudere tutte le centrali elettriche non ecologiche e [……..]
E razzisti, nazionalisti, creazionisti, giustizialisti, garantisti, etc…

Una sconfinata quantità di tifosi, di fedeli dell’ignoranza, che formano il popolo di questa democrazia senza scampo, come se vivessimo in uno stadio in cui vinca chi strilli più forte la propria idiozia, o semplicemente con il coro più numeroso “Stro-nzo stro-nzo stro-nzo…”.

Alla fine ognuno di noi ha una parte buona ed una cattiva che non andrebbero ignorate, bensì curate come si deve per avere dei risultati che diano un senso alla presenza umana su questo pianeta. Sì, non c’entra un cazzo, ma volevo giustificare la presenza di questo brano di Louis C.K., che ogni tanto mi piace tirare fuori (ciao Jessica!).

[D.C.]

Annunci

One thought on “Che cazzo ne so?

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...