Spari, Amore e Fantasia

Trovate tracce di polvere da sparo sui guanti del tifoso che sparò all’altro tifoso.

Premesso che i napoletani con ‘sta storia di morire sparati hanno pure un po’ rotto il cazzo, tra Lino Romano, che per le vie di Napoli si è fatto sparare per sbaglio (davvero) dalla camorra, Ciro Esposito (non è un nome di fantasia, in nessun senso) che si è fatto sparare in prossimità dello stadio per gustarsi una gioiosissima partita di pallone, e ora Davide Bifolco, che si è fatto sparare per sbaglio dai Carabinieri, ci stanno veramente rendendo difficile capire come interpretare il rapporto tra pallottole vaganti e giovani napoletani.

 

Ovviamente, data la temperatura dell’ultimo cadavere, negli ultimi giorni si sta speculando molto sulla situazione napoletana, nazionale e della sicurezza in generale.

Premettendo che, come ormai avrete imparato, per lo più, ad ogni persona morta che non stesse contribuendo allo sviluppo dell’umanità o che non mi fosse cara, la mia reazione razionale è “uno di meno“, posso provare a buttare lì un paio di pensieri un pochino meno drastici. Ad esempio l’idea generale che, un po’ come per il discorso degli stupri, forse la carenza viene in gran parte dall’educazione. Civica, civile, alla vita. Sapete, cose tipo “sparare alla gente è moooolto sbagliato”, concetti di una certa complessità per menti deboli, instabili o semplicemente mai permeate da idee del genere.

Ho preso tre casi decisamente diversi fra loro che hanno in comune, oltre a vittime napoletane, il fatto che ad uccidere siano stati in realtà uomini prima che “la camorra”, “il tifo” e “lo stato”. E gli uomini hanno storie. E le storie sono simili ma diverse. Ciò nonostante certe storie appaiono più frequentemente in determinati ambiti. E lo stesso vale per le vittime.

Bravi ragazzi. Tutti. Davvero. Magari un po’ meno il tossico camorrista che ha sparato quattordici pallottole alla persona sbagliata, magari un po’ più il ragazzo scambiato per un altro (anche se di tutti gli stili del mondo scegliere proprio lo stesso di ragazzi malavitosi non è la mossa più saggia del pianeta, in particolar modo per le vie di Napoli, per quanto sicura sia la città). Bravi tutti, dicevamo, e bello il paese su cui il sole splende sempre e si può andare ovunque, giorno e notte, trasferte a rischio, forzare posti di blocco (che leggo essere una cosa da “suvvia, che sarà mai, ragazzate”, sarà che a me i miei m’avrebbero fatto il culo anche solo per averlo visto, un posto di blocco), piccoli reati, etc… ecco, a me va bene che si veda così, io sono per premiare il merito più che per punire il demerito, però se questi so’ bravi ragazzi, a me che mi alzo alle cinque per andare in fabbrica, non rompo il cazzo alla gente ed evito le situazioni di merda, mi vorrete dedicare una statua in centro? Almeno in periferia! Oppure una settimana nella villa di Play Boy.

In somma, ad insistere a sostenere che le cose sbagliate siano sempre quelle intorno, si finisce per far credere che non ci sia correlazione fra le scelte delle persone e gli avvenimenti che le colpiscono. Molto religioso come pensiero, ed è una cosa che culturalmente ci appartiene, ma profondamente diseducativo, e l’educazione continuo a pensare che sia l’elemento portante di una società funzionante.

Fa parte di un discorso educativo anche avere delle forze dell’ordine che non sparino a cazzo di cane alla gente che fa cose, o che non ammazzino di botte ragazzi perché antipatici (cazzo sarei già un nome al Verano), ma ecco, anche noi, se evitassimo di forzare posti di blocco, frequentare luoghi in cui girano più coltellate che fighe, e prendessimo le distanze (anche fisiche) dalla merda che c’è, potremmo sopravvivere abbastanza da mostrare agli altri quali siano i vantaggi di una vita senza pallottole vaganti e con buoni (davvero) giovani napoletani.

[D.C]

Annunci

One thought on “Spari, Amore e Fantasia

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...