Il crack dei francescani.

 

“Laudato si’, mi’ Signore, per sora droga, in fumo l’ài formata ma anche se puote magnare, o pure endovena.”
(F. d’Assisi)

Incredulità e occhioni spalancati, ad Assisi, per il botto dell’ordine dei francescani, in gravissimo dissesto economico. Al crack economico, però, si aggiunge quello stupefacente, visto che all’origine della bancarotta ci sarebbero, oltre a serie di manovre poco chiare, anche investimenti società legate al traffico di droga e a quello di armi. Tanto per non farsi mancare nulla.

dragoLa cosa getta ovviamente un’ombra sul santo più amato d’Italia, ma anche molte luci. San Francesco che vuole lasciare i propri averi e la casa del padre dopo aver fatto una scenata di piazza degna di una soap brasiliana, e che diventa un eremita che parla con gli animali, è una storia che ha molto più senso se la si fa partire con un bad trip.

A me fa, invece, sorridere il tono di sconcerto che hanno quelli che commentano.

“Ma come si fa a fare speculazioni con le offerte e le donazioni?”, chiedono stupiti i fedeli. Come si fa? Nello stesso modo in cui si lucra su sacramenti ed esorcismi, nello stesso modo in cui si piegano fisco e stato al proprio bisogno, nello stesso modo in cui si specula su attività mafiose, nello stesso modo in cui appoggiano dittatori e regimi, nello stesso modo in cui si fottono i bambini. Si fa e basta. Tanto, dio è con noi.

Oggi non ho neanche voglia di commentare più di tanto: ci penseranno gli inquirenti a stabilire chi è colpevole, e i preti a farlo assolvere. Non nell’altra vita, che magari non c’è, ma in questa: che va bene essere credenti e tutto, ma comunque meglio andare sul sicuro.

[M.V.]

 

Annunci
Questo articolo è stato pubblicato in A Collo di Papero e contrassegnato come , , , , , , da Marco Valtriani . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su Marco Valtriani

Marco Valtriani è l'ignobile ideatore di questo blog di dubbissimo gusto, fa il pubblicitario, l'autore di giochi da tavolo e quello che dà noia. Ha assunto nel tempo diverse identità farlocche al mero fine di trollare il prossimo, non sempre con garbo, spesso con gioia. Per hobby alleva grillini in un casolare di campagna, vendendoli agli alieni e ai poteri forti, e sparge scie chimiche per conto del NWO sugli allevamenti di beagle, come del resto fanno quasi tutti quelli della Ka$t4. Il motto della sua casata è "Hear Me LOL".

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...