Grillo ha comprato il PD.

collodipapero

Grillo ha comprato il PD?

Questa è la domanda che mi sono fatto leggendo i commenti di alcuni esponenti del PD al post di Di Battista sull’inizio della sua campagna referendaria “‪‎costituzionecoasttocoast” (opportunamente hashtaggato). Ce ne sono stati diversi, come il tweet di Alessia Morani o quello di Stefano Esposito, ma prenderò come esempio quello di Alessia Rotta, deputata PD e responsabile della comunicazione del partito.

Ora, chiamare “vacanze fai da te” una campagna referendaria mi sembra un po’ una vaccata, una di quelle che potrebbe dire un fan dell’antipolitica, al bar, ubriaco; oppure un invasato da social, visto anche l’uso sbarazzino di un hashtag tanto ggiovane quanto bruttino. Non me l’aspetto certo da qualcuno che vive e lavora all’interno della macchina politica. Che Di Battista vada in giro a perorare la causa del no mi sembra il minimo, e che lo faccia a spese dei contribuenti – come tutti! – mi pare altrettanto normale. Voglio dire: Renzi può andare in giro in autobus e Di Battista non può andare in giro in scooter? Perché?

Che un parlamentare usufruisca dei soldi pubblici per le proprie attività politiche è sacrosanto. Che il PD punti il dito contro Di Battista perché fa quello che fanno tutti (anche loro) e legittimamente, è una cazzata. A maggior ragione se viene dalla responsabile comunicazione del partito, che dovrebbe sapere che è inutile e anzi dannoso seguire un avversario sul piano delle puttanate e bisognerebbe attaccarlo nel merito.

Se non lo si fa, il dubbio che viene è che manchino gli argomenti. Visto che si parla di referendum, e che di argomenti validi ce ne sono da entrambe le parti, mi chiedo cosa sia successo. Il prossimo passo qual è, si fa a gara a suon di JPG?

Quando il Compagno Dibba™ fa gli occhi da Bambi dicendo che lui prende solo 3000 euro al mese come se fosse antani ma anche un po’ restituzione per due anche come cappotto, in virtù del fatto che dei 5.000 e rotti euro che prende ne restituisce circa 2000, sembra davvero convinto di quello che dice. Dimentica ogni volta di citare anche diarie e rimborsi, quelli per cui prende altri 8.000 euro (restituendone 2.500 circa), che fanno salire il suo stipendio mensile a quasi 9.000 euro a fronte di 4.500 euro restituiti. I dati, prima che qualche imbecille starnazzante mi dica che sono fazioso, vengono dal sito beppegrillo.it.

“E le diarie?”

“Quintana, o setta.”

Trattandosi del movimento cinque stelle direi più la seconda.

Ma, di nuovo, il punto è che per quanto Di Battista sia costretto dalla situazione a dire ogni due minuti che lui non è Ka$t4, il fatto che Di Battista prenda quei soldi e li spenda per le sue attività è perfettamente legittimo: svolge un ruolo politico che comporta spostamenti, collaborazioni, spese, ed è giusto che Di Battista – come tutti gli altri parlamentari – usi soldi pubblici per le proprie attività. Certo, potrebbe fare un po’ meno il cucciolotto strappalacrime, ma al tempo stesso è vero che restituisce quanto può – il che è encomiabile – e soprattutto è vero che il suo tour sul referendum è tutto meno che una cazzo di vacanza, è lavoro, Di Battista sta lavorando, e sta usando soldi che gli spettano per farlo.

“Le vacanze fai da te di DiBa in giro per l’Italia le pagano i cittadini? As usual!” è una frase che mi aspetto dal grillino medio, non dal responsabile comunicazione del PD.

Se sento “Renzi è in vacanza a Rio a spese nostre” penso immediatamente “vai, un altro grillino che non ha capito un cazzo e non sa come funzionano i ruoli istituzionali”.

Se sento “Di Battista è in vacanza per l’Italia a spese nostre”, che devo pensare? Non può averlo detto un cinquestelle, perché che un grillino attacchi il Compagno Dibba™ è impossibile… quindi, a quanto pare, i casi sono due: o Grillo ha comprato il PD, o il PD si è involuto al punto di arrivare a copiare le strategie comunicative dei cinquestelle, cosa che già sospettavo quando ebbero l’idea geniale di mettere all’indice i titoli dei giornali poco graditi. Ma, commentò il PD, si trattava di un divertissement. Insomma, scherzavano. Dove l’ho già sentita, questa scusa?

Ecco, a vedere la comunicazione del PD in salsa ignorant-pop mi viene da pensare: preferivo quella radical-chic.

Non avrei mai pensato di dirlo, ma se i toni devono essere questi ridatemi il tizio che smacchiava i giaguari.

[M.V.]

PS: la campagna di Di Battista, l’ho detto, è legittima. Non ho detto che sia una ficata, se non per il fatto di vederlo andare in giro conciato come un power ranger griffato con gli slogan, che è spassosissimo. Ma questo, converrete, è un altro discorso.

Advertisements
Questo articolo è stato pubblicato in A Collo di Papero e contrassegnato come , , , , , , da Marco Valtriani . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su Marco Valtriani

Marco Valtriani è l'ignobile ideatore di questo blog di dubbissimo gusto, fa il pubblicitario, l'autore di giochi da tavolo e quello che dà noia. Ha assunto nel tempo diverse identità farlocche al mero fine di trollare il prossimo, non sempre con garbo, spesso con gioia. Per hobby alleva grillini in un casolare di campagna, vendendoli agli alieni e ai poteri forti, e sparge scie chimiche per conto del NWO sugli allevamenti di beagle, come del resto fanno quasi tutti quelli della Ka$t4. Il motto della sua casata è "Hear Me LOL".

2 thoughts on “Grillo ha comprato il PD.

  1. Mah, devono aver cambiato i vertici comunicativi. La campagna della Moretti non era male, poi lei ha ben pensato di metterci del suo mandando tutto a farfalle. Insomma, ti quoto. Il prossimo passo è #aiutiamoliacasaloro

  2. Più che altro: era più divertente ricordare che Di Battista farà campagna elettorale usando quei 40 GIORNI di ferie parlamentari su cui lui e i 5stelle fino all’altro ieri sputavano merda dicendo che era “indecoroso” che un parlamentare avesse così tanti giorni

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...