Smettete di seguire i comici.

Posted by

 

‘Questo è il Prestigioso Numero dello Gnomo Purpureo
Sdogana la volgarità senz’intaccare classe e personalità
Con il Prestigioso Numero dello Gnomo Purpureo
Puoi sgominare ogni agonista, bandendo i dogmi della società’
(Elton Novara – Il Prestigioso Numero dello Gnomo Purpureo)

Gene Gnocchi fa una battuta brutta. Potrebbe essere l’incipit di un articolo della rubrica “E Grazie al Cazzo!”, e invece no, è davvero successo che la gente ha commentato la battuta, indignandosi per questo o per quel dettaglio. Gnocchi ha ipotizzato che la Meloni, dato che continua a pubblicare foto del maiale in giro per Roma, sia la proprietaria dell’animale, il cui nome sarebbe “Claretta Petacci”. Lo sdegno generale è uno specchio dei tempi che viviamo: mai vista tanta indignazione per un’offesa, pur pesante, rivolta a un maiale.

Sto scherzando. Ovviamente. Come, del resto, stava facendo Gene Gnocchi. Che, non me ne voglia, ma l’ho sempre considerato un comico mediocre e un comico satirico ancor peggiore: per evitare qualsiasi polemica e fare una battuta anche migliore di quella sulla Petacci e sulla maiala sarebbe bastato dire “la Meloni continua a pubblicare foto del maiale, lo fa perché è suo, anzi, se qualcuno volesse provare a recuperarlo risponde al nome di Benito”. Oplà. E senza dire neanche una volta “a testa in giù”.

A commento della vicenda ho letto un po’ di tutto. Dagli pseudo-alt-right italiani dire che la battuta è infelice quanto quelle su Anna Frank. A nugoli di decerebrati che la paragonano a Salvini che mostra una bambola gonfiabile della Boldrini. Ai radical chic che dicono che comunque è di cattivo gusto. A chi dice che questa non è satira.

Get up, open your eyes, you’re just like everyone
You waste all your time faking your smiles
Wake up, look at your life, you starting to fuck mine
Here is my good fight: get the fuck out’
(Chunk! No, Captain Chunk! – ‘Haters Gonna Hate’)

Allora, mettiamo qualche puntino sulle i.

Innanzitutto no, Clara Petacci non è Anna Frank. Perché la seconda era una ragazzina, vittima dei nazisti, mentre la Petacci era una donna adulta, in grado di scegliere (tanto che rifiutò di fuggire in Spagna coi parenti per seguire Mussolini). Ha scelto di essere una delle molte amanti di un dittatore, ha voluto seguirlo fino alla fine ed è morta al suo fianco. Posso ammirarne il coraggio, il desiderio d’abnegazione per l’amato, posso essere d’accordo che la sua morte non fosse necessaria, ma a conti fatti è stata una donna che ha amato e seguito un feroce, sanguinario dittatore responsabile di milioni di morti ed è stata fucilata insieme a lui. Vedete la differenza, vero?

Posso fare una battuta sul fatto che l’alibi di Pistorius non ha retto perché le bugie hanno le gambe corte, non posso fare una battuta analoga su Bebe Vio che abbia la stessa efficacia. Perché sebbene siano entrambi privi di svariati arti, Pistorius è un assassino, mentre Bebe Vio è un’atleta, decisamente incensurata, e anzi impegnata anche nel sociale.

Punto due: la battuta (per quanto gratuita, bruttina, senza ritmo né sostanza) di Gene Gnocchi è su Giorgia Meloni, non su Clara Petacci. Gnocchi ha banalmente detto che la Meloni è una fan del duce. Cosa che, peraltro, non sono neanche sicuro sia così vera. Clara Petacci è il mezzo con cui Gnocchi dà della fascista alla Meloni.

Le battute hanno sempre un bersaglio e un contesto: se dico che Adinolfi ha chiamato il cane Totò, perché alla fine se c’era una cosa che Riina rispettava era la famiglia, sto facendo una battuta su quanto è scemo Adinolfi (e sul suo recente scivolone su Dolores O’Riordan), non su Riina. Che rimaneva comunque un mafioso di merda ma, davvero, in quella battuta non sto parlando di lui.

“When peace is just another word for death
It’s our turn to give violence a chance!”
(G.L.O.S.S. – Give Violence A Chance)

Anche il paragone con Salvini e la sua bambola gonfiabile è una cacata di proporzioni epiche. Gene Gnocchi è un comico, per quanto mediocre; Matteo Salvini è un politico, per quanto comico. Clara Petacci è l’amante morta di un dittatore e non c’è nessuna relazione fra Gnocchi e la Petacci*, Laura Boldrini è la presidente della camera ed è viva e vegeta ed è per Salvini un avversario politico. L’unico, comune denominatore fra i due episodi è che il performer di turno ha usato un paragone infelice per chiamare qualcuno “maiala”.
Infine, per chi tira in ballo il cattivo gusto: e grazie al cazzo. Che il black humor sia di cattivo gusto è insito nel concetto, e anzi, un pessimo black humor spesso è ancor più di cattivo gusto, perchè più gratuito e grezzo. Spesso la satira per shockare e spiazzare usa un linguaggio triviale, cattivo, aggressivo, io posso capire che non vi piaccia, ma fatevene una ragione… pure a me il reggae mi fa schifo al cazzo, ma non è che vado da chi suona reggae a dirgli di usare il doppio pedale e la chitarra distorta perché così com’è mi caramella i coglioni, e che mi dispiace ma degli abitanti dei ghetti di Kingston anche sticazzi.
Insomma, s’è fatto un gran parlare perché Gene Gnocchi ha fatto una battuta brutta. Ne avesse fatta una decente sarebbe pure stata una notizia, ma così mi sembra solo di aver assistito a una gara in cui vinceva chi capiva meno la battuta stessa, come già successo altre mille volte prima di questa, spesso con battute decisamente migliori. Secondo me non è che non siete Charlie, secondo me proprio non ci arrivate, fatevene una ragione.
Diagnosi: La comicità, e men che mai la satira o il black humor, non li capite.
Terapia: Smettete di seguire i comici. Ne guadagneremo tutti.
[B.K.]

* o, quantomeno, è quello che spero per Gene Gnocchi.

Annunci

3 comments

  1. Il problema è anche nel fare satira quantitativa, la satira come prodotto, anzi, come servizio che deve essere erogabile lì per lì quando c’è la scadenza.
    E a volte esce quel che esce, perché qualcosa deve uscire, anche se fa cagare e/o non funziona. Anche se, pur sapendolo, si dà l’opportunità a qualche categoria di repressi di attaccare e sfogarsi.
    E’ molto triste dover fare ridere per forza. Neanche i clowns.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.