Billy Bullo

Pestato un ragazzo in una scuola da un gruppo di bulli.

Non è una novità, ci sono sempre stati i bulli, i gruppi di bulli e la prepotenza come forma di ordine sociale spontaneo. Certo era più facile accettarlo quando ancora non avevamo imparato a distinguere il culo dalla testa, ma grosso modo dovremmo essere preparati a gestire la situazione.

Continua a leggere

Annunci

Sono un professionista (forse) voglio essere pagato

I professionisti vanno pagati.

La campagna contro i pagamenti in visibilità e i “ma questo lo fa anche mio cugino” continua senza sosta, dalla presa di coscienza del problema ad oggi infatti i tamburi del “sono un professionista voglio essere pagato” non hanno più cessato di battere. Io, in questa musica, mi sono permesso di infilarci un oracoleggiante forse.

Continua a leggere

La legittimità di sparare cazzate

Nuova proposta di legge per la legittima difesa. Legittimo difendersi, se è il caso.

Dopo essere stati sepolti da rigurgiti per nausea da eccesso di meme e battute ancor prima di poter leggere il testo della proposta di legge, possiamo finalmente dire la nostra sicuri di non disturbare ormai più nessuno.
Questo modo rapido di reagire, sparando cazzate spesso ancor prima di capire, potrebbe intanto essere il primo indizio sul come gestire l’autodifesa all’interno della comunità.

Continua a leggere

Fatti non foste a figliare come bruti

Dai ministri ai fascisti un grido ci unisce: figliate!

In questi giorni si legge da molte parti la risposta di una quantità di giornaliste, blogger e donne in libertà alle recenti, ennesime, esaltazioni della maternità da parte di esponenti governativi. Non una roba tipo: “mi piace fare la mamma”, più qualcosa del genere: “noi donne nasciamo per essere madri, tutto il resto so’ cazzate.”.

Io invece non sarei così selettivo: pure queste so’ cazzate.

E ora diamo una voce maschile del tutto non richiesta al coro dei “non credo proprio”.

Continua a leggere

A casa mia t’ammazzo

Problemi d’invasione degli spazi personali, dai confini nazionali alla zona di comfort.

Si fa sempre più pressante il problema della difesa dei propri confini, siano essi quelli dello stato o quelli della propria abitazione, emerge con sempre maggiore forza la richiesta di una difesa estrema.

Come mi ha detto un amico: “Per quanto male vadano le cose, ti bastano un pezzo di terra e un fucile”.

Uno di quei pensieri felici che avrebbero fatto volare Peter Pan.

Continua a leggere

Omeovita

Passata senza conseguenze la giornata mondiale dell’omeopatia.

Ma l’apparenza inganna, purtroppo l’omeopatia è solo un sintomo di una società malata d’ignoranza. L’ignoranza come valore, l’accettazione della stessa e il conseguente decadimento delle facoltà mentali individuali e quindi collettive.
Come vivere un film di Tomas Milian in cui Bombolo non scorreggia.

Continua a leggere

EROI

Fermata un’ambulanza che viaggiava contromano.

Due cittadini modello, aggressivi come tassisti, acculturati come tassisti e intelligenti come tassisti, hanno bloccato un’ambulanza che viaggiava contromano mentre portava un morente in ospedale.

Che poi alla fine il malato è stato pure salvato quindi tutta ‘sta fretta non c’era e avevano ragione Batman e Robin a sostenere che l’ambulanza poteva fare la fila come tutti gli altri. È ora di farla finita con tutti ‘sti privilegi, con le lobby, con le caste, con i posti in cui non si entra se non per certi “diritti speciali”, con i lavori esclusivi come i  notai. O i tassisti.

Intendiamoci, in un periodo di esaltazione dell’idiozia ignorante non mi sorprende che qualcuno prenda finalmente in mano le redini della società partendo dal basso. Solo speravo non fosse così in basso. Continua a leggere