Vita da debunker

scusate

Seguire le segnalazioni della gente sulla pagina Facebook di un sito di debunking è un po’ come quando ti rendi conto che nonostante il disclaimer di Non si Sevizia un Paperino dica chiaramente che è un blog pensato per turbare gli imbecilli, detti imbecilli non riescono ad esimersi dal mostrare quanto sono turbati, e commentano cose che equivalgono un po’ a mettersi in testa un cappello con su scritto “sono un imbecille”. Continua a leggere

Annunci

Il regalo più bello

scusate

In New South Wales, Australia, se ne sono venuti fuori con una campagna anti-marijuana che sta facendo il giro del web e viene presa per il culo da chiunque. Nei tre brevi video vengono presentate situazioni in cui può ritrovarsi un adolescente strafattissimo, anzi tre adolescenti strafattissimi, in tutti e tre i casi rappresentati da un bradipo abbigliato come un adolescente e chiamato Stoner Sloth.

Allora innanzitutto vorrei dire che Stoner Sloth è un nome fighissimo per un gruppo e vi consiglio caldamente di usarlo se ne state mettendo su uno: comprerei il vostro album a scatola chiusa. Continua a leggere

Le Aquile della morte metallica (o di chi si merita di morire)

scusate

Non volevo scrivere niente su Parigi, il che questa settimana equivaleva a non scrivere niente in assoluto. Ma sono già passati quattro giorni e vedo che su Facebook, foto profilo ammantate di liberté, egalité e fraternité a parte, avete ripreso a farvi i cazzi vostri, tanto in quattro giorni grazie a internet tutto quello che c’era da dire è stato detto e tutto quello che poteva essere condiviso è stato visto. Dunque posso concedermi anch’io di portare avanti la mia rubrica e farvi notare qualche punto* in cui, anche stavolta, non siete riusciti ad esimervi dal mostrare il vostro ritardo mentale. Continua a leggere

Ce l’ho qui la brioche.

scusate

Quando c’era Silvio mi sentivo stupida se mi capitava di far notare che buona parte dello sfascio morale, culturale e probabilmente anche economico degli ultimi decenni era da imputare a lui; e nemmeno tanto al berlusconismo in politica – alla fine che cazzo è mai stato il berlusconismo in politica? Un cazzo, il berlusconismo è semmai il voler far politica senza saperne niente e riuscirci lo stesso – ma quanto a Mediaset, ai suoi autori più gettonati e in particolare ad alcuni programmi che hanno portato alla ribalta una pletora di comici cretini e showgirls in mutande. Continua a leggere

Auguri di morte e altre amenità

scusate

Se davvero gli animali sono meglio degli uomini come voi sostenete, è soprattutto perché della razza umana fanno parte individui come voi. C’è più dignità nell’unghia del mignolo di una persona che ammette la necessità della sperimentazione animale, pur rammaricandosene, e ringrazia i ricercatori che l’hanno fatta sopravvivere un altro anno, che in tutti voi messi insieme, dato che una persona del genere è umana, voi siete degli ipocriti. Voi siete delle bestie, è diverso. Continua a leggere

Io sono più furbo di tutti

scusate

Muore una neonata di pertosse.

Il motivo per cui è morta è che era troppo piccola per essere stata vaccinata: di solito in questi casi esiste un meccanismo medico-sociale che si chiama immunità di gregge e che permette anche agli individui non vaccinati di essere protetti dal contagio di una malattia grazie al fatto che una certa percentuale di individui è vaccinata, e quindi il contagio non riesce a diffondersi.

Continua a leggere

Sciaf sciaf. Sciaf.

scusate

Siccome siete delle merde, ma non vi piace doverlo riconoscere, avete tirato fuori tutta la scarsissima astuzia di cui è capace il vostro grumo di materia grigia per giustificare la convinzione che le merde fossero gli altri. Spesso, quando siete stronzi a questo livello, il cervello vi serve solo per trovare sempre nuovi modi per pararvi il culo e non riconoscere quanto siete merde. E infatti, anche stavolta.

Continua a leggere