Come dovremmo chiamarli?

collodipapero

Siccome ultimamente abbiamo affrontato (male) temi davvero molto pesanti, come il suicidio, l’eutanasia e Adinolfi, questa settimana vorrei parlare di un episodio molto “leggero” e di un tema ad esso strettamente connesso. Mi piacciono le associazioni di idee, sai, come quando uno ti dice una cosa e tu mentalmente la colleghi a un’altra: “salvini” e “razzista”, “scissione” e “sinistra”, “dio” e… uhm, no, qui ce ne sono un sacco e de gustibus non disputandum est: ognuno ha il suo animale preferito.
Continua a leggere

Advertisements

Europei

Mentre in Europa si gioca a calcio, in giro per il mondo continuano gli attentati terroristici.

L’esplosione di Istanbul, i morti di Dacca, il rigore di Zaza. Sembrano non avere fine i drammi di questo 2016.

Ma mentre su diversi campi si giocano partite per la vita, per la libertà, per la serenità di una vita umana che già fa schifo al cazzo quando fila liscia, sulle bacheche di Facebook si combatte strenuamente per la verità che si nasconde dietro quello sfericissimo ipno-pallone. Continua a leggere

Un popolo di ritardati

“Non ho capito.”
(Anonimo)
Con il termine analfabetismo funzionale si designa l’incapacità di un individuo di usare in modo efficiente le abilità di lettura, scrittura e calcolo nelle situazioni della vita quotidiana. In pratica, se sei un analfabeta funzionale, di quello che ti succede e che non ti viene sbattuto in faccia live non capisci un cazzo. Se ti sei appena offeso pensando che io ti abbia dato dell’analfabeta funzionale, per dire, probabilmente lo sei.

Continua a leggere