Alla donna dell’est per due soldi un Topolino mio padre comprò

“I motivi per scegliere una fidanzata dell’est”.

Polemica.

Televisione pomeridiana, trasmissione di merda, tema del cazzo: Bam, giù nel canestro!

Continua a leggere

Annunci

Fare schifo, fare pena, fare la fame, fare le valigie

Come ci indica il titolo di questa rubrica, oggi parliamo di cose che mi fanno davvero schifo.

Tipo la merda ma forse di più, ché almeno quella è parecchio utile.

Insomma, siccome sono una idiota testa di cazzo  idealista e ho scelto di lavorare nei settori più sfigati in Italia (educazione-formazione-poverinegri), quando mi si toccano certi argomenti mi incazzo come una fiera.

L’altro giorno, in piena crisi mistica alla ricerca di un tema da sviscerare per la rubrica del martedì, mi è capitato sotto gli occhi, casualmente (per colpa delle pressioni della redazione, cioè di Marco), il decreto FARE.

Continua a leggere

Giannino: la verità sul passo falso

contributo di poco volontario di Marco Bertini

Finalmente noi di NewsPaper(i)24 abbiamo svelato il mistero intorno al personaggio di Oscar Giannino. L’aura di fascino che si è creata intorno a quest’uomo ha probabilmente molteplici cause, di cui ne elenchiamo a titolo esemplificativo ma non esaustivo alcune. La barba folta a stridente contrasto con la crapa pelata. Un talebano calvo oppure un uomo che ha in mente un riporto non convenzionale? Già questo dettaglio fa parlare grandi e piccini. Ma noi istruiti pensatori abbiamo un saldo principio morale che ci fa giudicar dai concetti espressi, e non dalla cura dei peli della testa. Il bastoncino da passeggio che fa tanto commendator dell’ottocento. Pare che tale attrezzo allevi i dolori derivanti da una discopatia o qualcosa del genere alla spina dorsale. Vabbè. Il vestimento di cui si adorna, mai banale ed in barba alla sobrietà che tanto si spreca in luoghi istituzionali (a parte i leghisti). Giacche arancioni, completi gessatini marron glacè, foulard, fiorellini, papillon e cravattoni fumè. Ma noi uomini di mondo sappiamo che l’abito fa il monaco e che tale modo di coprirsi è un messaggio chiaro al resto del mondo: “io sono ganzetto, non sono banale e non ho paura di voi tutti (che siete solo volgare plebe)”.

Ma ecco che finalmente, oggi, è caduto il muro della sua costruita figura, su un dettaglio che è su tutte le prime pagine dei giornali. Un errore che farà perdere al suo movimento elettorale 2 o 3 punti percentuali. Eccolo.
Continua a leggere