Tutti i numeri del deficiente.

collodipapero

Esistono, su internet, alcune pagine che – per motivi di studio – contengono tutti i numeri esistenti in un certo intervallo, per esempio una pagina può contenere un elenco autogenerato di tutti i numeri da 1 a 9999999999, con evidenziati in grassetto tutti i numeri primi. Ce ne sono molte, la finalità di solito è vedere come si comportano i motori di ricerca di fronte a questi tipi di contenuto. Per pura coincidenza, spesso la lunghezza di questi numeri è identica alla lunghezza dei numeri di telefono italiani. Molte persone, cercando su google il proprio numero di telefono, arrivano su queste pagine e, evidentemente incapaci di capire di cosa si tratta, vanno in paranoia chiedendosi chi e come abbia pubblicato il loro numero, minacciano denunce inventandosi reati, vedono in questi siti la prova di un qualche complotto giudaico-massonico-rettiliano mondiale globale o, più semplicemente, insultano direttamente il webmaster che come si permette di scrivere il mio numero?
Continua a leggere

Advertisements

Task Force Antistronzi.

punkgiorno

Dickhead, fuckface, cock-smoking, mother fucking asshole, dirty twat, waste of semen, I hope you die!
Green Day – Platypus (I Hate You)

Qualche giorno fa, un nugolo di decerebrati ha preso di mira la bacheca di una sopravvissuta alla valanga che ha colpito l’hotel Rigopiano. L’hanno bersagliata con insulti, offese e moralismi da quattro soldi. Buona parte dei commenti stronzi sta sotto una foto della ragazza sulla neve, da molti giudicata inopportuna. Solo che la foto è del 6 Gennaio. Ora, anche senza tirare in ballo l’empatia, la compassione o la meraviglia di farsi i cazzi propri, la cosa che mi preme far notare è questa: per decine, centinaia di persone, leggere una data è troppo difficile.
Continua a leggere

Noi, Loro e Trump

Molte persone sono spaventate dall’elezione di Donald Trump.

Molte altre invece ridicolizzano il pensieri di quanti abbiano timore rispetto a un’elezione democratica di un altro paese.

E allora, senza laurea in “elezioni americane del 2016”, senza particolari nozioni geopolitiche, senza profonde capacità analitiche, arrivano le mie considerazioni su questo risultato elettorale, sul suo significato e sul turbare gli imbecilli. E lo faccio perché il mondo non è ancora esploso. Non ancora.

Partiamo da un problema: l’inflazione dello scandalo.

Ne parlavo un paio di giorni fa, ed ecco un esempio di quelli che manco se l’avessero eletto apposta. A seguito delle esternazioni di palese preoccupazione ed incredulità di una parte della popolazione dei social, si è elevata, opposta e di egual misura, una annullante reazione del tipo “Ma che ve preoccupate ‘mbecilli, non è successo un cazzo, siete solo dei piagnoni cacasotto faziosi rosiconi demmerda.”. Continua a leggere

Io sono più furbo di tutti

scusate

Muore una neonata di pertosse.

Il motivo per cui è morta è che era troppo piccola per essere stata vaccinata: di solito in questi casi esiste un meccanismo medico-sociale che si chiama immunità di gregge e che permette anche agli individui non vaccinati di essere protetti dal contagio di una malattia grazie al fatto che una certa percentuale di individui è vaccinata, e quindi il contagio non riesce a diffondersi.

Continua a leggere

Blade Runner nel Mulino Bianco.

scusate

I nazianimalari: sì, lo so, è come sparare sulla Croce Rossa se si parla di ritardi, ma tutti i giorni ne viene fuori una nuova che ti fa venire voglia di ucciderti, ché tanto non li estirperemo mai dalla faccia del pianeta, anzi, si moltiplicano come se fossero contagiosi. È di qualche giorno fa il video che vede degli attivisti strappare un cagnolino dalle braccia di un barbone, ma è un continuo susseguirsi di stronzate, ormai da anni: i cavalli che portano in giro le carrozzelle a Roma, fotografati e ritenuti moribondi di fatica; i topi liberati a centinaia dagli ambienti sterili dei laboratori e piazzati in scatoloni nel cesso di un qualche nazianimalaro in attesa di ricollocamento; i beagle di Green Hill con gli occhioni supplicanti ritratti in mille e mille volantini che chiedono la loro liberazione; petizioni per controllare che la gallina Rosita venga trattata bene da Banderas e da tutto il Mulino Bianco, perché pare drogata e con le zampe legate. Continua a leggere

I sei post che vi danno la certezza di ricevere un commento-cazzata.

ostruzioni

Se fossi una da tutorial, farei un video di ringraziamento per le oltre 10000 condivisioni ottenute dal precedente articolo di questa rubrica male. Ma sono una giovane papera, che pensa brutto e scrive peggio. Ragion per cui, mi sono concentrata subito sul prossimo pezzettino di cacca da aggiungere – come punta provvisoria – all’iceberg di merda sul quale ci troviamo seduti. Tant’è. Continua a leggere

The idiots are taking over

“Gli italiani giocano le partite di calcio come se fossero guerre, gli inglesi invece giocano le partite di calcio col culo.” (M. Gasparri)
Quando il vicepresidente del Senato commenta il risultato della partita giocata poche ore prima in questo modo:
non è che rimane molto da fare se non osservare il Guardian che riporta l’accaduto alzando gli occhi al cielo, con la stessa espressione del fratello maggiore che un po’ se l’è presa per l’insulto del fratellino ritardato, ma che allo stesso tempo non se la sente di dargli un ceffone perché insomma, che gli vuoi fare a uno così?
gasparri Continua a leggere