Omeovita

Passata senza conseguenze la giornata mondiale dell’omeopatia.

Ma l’apparenza inganna, purtroppo l’omeopatia è solo un sintomo di una società malata d’ignoranza. L’ignoranza come valore, l’accettazione della stessa e il conseguente decadimento delle facoltà mentali individuali e quindi collettive.
Come vivere un film di Tomas Milian in cui Bombolo non scorreggia.

Continua a leggere

Advertisements

Più positivo di un sandalo col calzino

Internet è la città globale, Facebook ne è la piazza.

Poi ci sta anche chi vive fuori, in campagna, tipo nell’Africa nera o nel Sud America nero, o nell’Asia nera, dove “schiavitù, violenza e fame” is the new black. Ma di questi, come il resto del mondo civilizzato, non ce ne occuperemo.
Correggo, come il resto del mondo civilizzato che non abbia un ditta.
Tornando alla nostra piazza dunque, quello che chiunque può notare è come, in un periodo di crisi generale, non solo economica, si stia decisamente perdendo quella che qualche hippie definirebbe “positività”.
Certo in un mondo in cui ci erano state promesse macchine volanti, viaggi nel tempo e bonissime cameriere robotiche sessualmente disponibili, ritrovarsi ad annaspare tra cinegri e razzisti non è il massimo dello stimolo.

Continua a leggere

Il casino del silenzio

Non è un posto dove si fa sesso senza gemere, né è proprio il silenzio della ragione che comunque batte i piedi, si tratta solo di come il “primo mondo” stia abusando dello strumento della comunicazione.

Avrete notato, o magari no, che i paperi non hanno scritto una parola riguardo la sciagura del terremoto e tutta la merda che vi si sta formando attorno. Vi garantisco che non è perché non ce ne freghi un cazzo, ma c’è momento e momento, e in questo momento parlarne è quasi peggio che pregare.

Questo momento di silenzio, anche riguardo a un tema così vivo e sentito, mi ha portato a riflettere sul già paradossalmente decantato valore del silenzio. Un valore a cui noi stessi spesso, anzi regolarmente, rinunciamo, un valore la cui rinuncia, moltiplicata per tutti i frequentatori della rete, diventa una fiera di esposizione di QI versione tanga, cromosomi extra e diagnosi mancate che nemmeno una mostra canina dei freak. Continua a leggere

Domande comode, verità scomode

Noemi pubblica una foto coi negri, le commentano “da chi lo pigli ‘sta sera?”.

Lo so, a questo punto sarete già lì tutti indignati con il sottoscritto urlando contro lo schermo: MA CHI CAZZO È NOEMI?!?

Ma infatti. Continua a leggere

Europei

Mentre in Europa si gioca a calcio, in giro per il mondo continuano gli attentati terroristici.

L’esplosione di Istanbul, i morti di Dacca, il rigore di Zaza. Sembrano non avere fine i drammi di questo 2016.

Ma mentre su diversi campi si giocano partite per la vita, per la libertà, per la serenità di una vita umana che già fa schifo al cazzo quando fila liscia, sulle bacheche di Facebook si combatte strenuamente per la verità che si nasconde dietro quello sfericissimo ipno-pallone. Continua a leggere

Tasse pure sull’aria (condizionata)

Il governo aggiunge nuove tasse mentre promette di rimuoverne.

Certo come la pelata di Bruce Willis. Quindi ora vado sull’internet a gridare che hanno rotto il cazzo, che sono arrivati pure a tassarci l’aria, quella condizionata di casa, casa mia, di mia proprietà, che già pago, che già ho dovuto comprare, pagandola con il sudore della mia fronte*, ecco, quindi gliene scrivo quattro a spaccare tutto, faccio il figo alla Bruce Willis.

Benone. Continua a leggere

Dr. Google e Mr. Darwin

Malata terminale di tumore si suicida.

Postilla: non si trattava di tumore ma di ritardo mentale, comunque allo stadio terminale, quindi rimane l’affermazione iniziale: e grazie al cazzo! Anzi, anche solo “e grazie”.

Continua a leggere