Omeovita

Passata senza conseguenze la giornata mondiale dell’omeopatia.

Ma l’apparenza inganna, purtroppo l’omeopatia è solo un sintomo di una società malata d’ignoranza. L’ignoranza come valore, l’accettazione della stessa e il conseguente decadimento delle facoltà mentali individuali e quindi collettive.
Come vivere un film di Tomas Milian in cui Bombolo non scorreggia.

Continua a leggere

Advertisements

Quando il saggio indica la luna, lo stolto porge il culo.

anovantagradi

A volte, a darci l’ispirazione è la grandezza. O l’innovativa visione di qualcuno. O il genio. A volte, invece, è la mole di commenti del cazzo letti a seguito di una frase marginale. Insomma, a ciascuno il suo; le persone ispirate si faranno guidare dalla grandezza della visione di qualche genio, io – che sono una persona di merda – dai commenti del cazzo.

Mi riferisco ad alcune frasi comparse sulla nostra pagina e su bacheche varie a seguito dell’articolo di ieri. Ma non riguardo all’articolo di ieri: la frase più commentata, quasi a voler sottolineare quanto effettivamente funzioni l’agitare un salame in faccia a un vegano, è stata “Volevamo parlare dell’asilo vegano ma abbiamo deciso di aspettare di vedere se succede qualcosa. Perché, purtroppo, abbiamo il timore che qualcosa succederà.Continua a leggere

Omeopatia e malattia mentale

Una delle maggiori case di prodotti omeopatici del mondo viene colpita da una serie di class action in USA.

Non fraintendetemi, la prevedibilità dell’evento non deriva certo dalla prontezza mentale degli americani, bensì dalla loro propensione a lanciare cause come fossero coltelli da negro in una rissa da pub. La notizia è che stavolta ci hanno preso.

Un duro colpo per Big Pharma 2 o Big Omeopharma o Big Parapharma o Big Truphpharma (sì, con la doppia effe) o come diamine potremmo chiamare l’insieme di produttori di falsi medicinali, personalmente rimango indeciso tra “stana imbecilli” e “parassiti della società”.

Continua a leggere

Largo all’Avanguardia

“Siamo il nuovo che avanza.” (D. Fo)

Io lo so che voi adesso vi aspettate un pezzo su Sibilia. Perché un parlamentare che dice che non siamo mai stati sulla luna e che, quando gli fanno gentilmente notare che essere dei mentecatti va bene ma magari non importa urlarlo, decide di reagire in modo passivo-aggressivo stuprando tre regole di base della logica ogni quattro parole, meriterebbe un articolo. Lo meriterebbe, se non fosse che quanto Berlusconi ci ha abituato ai reati, tanto il grillino medio ci ha abituati all’ignoranza durissima. Io neanche m’incazzo più. Posso solo sperare che l’antivaccinismo e l’uso di cure alternative li uccida tutti entro due generazioni.

Continua a leggere

…e i mangiamerda.

In Italia calano i consumi alimentari in quantità e qualità.

Fermo restando che la spesa generale mensile scende sotto i duemila euro, una cifra che vorrei un giorno riuscire almeno prima a guadagnare (senza alcun merito apparente), quella alimentare vede un crollo notevole in sia in termini di quantità che di qualità, “a discapito dei supermercati” dice l’ISTAT. A discapito della mia diarrea, mi verrebbe da collegare. Continua a leggere

Oh mio dio omeopatia cazzo

Clamoroso studio australiano: L’omeopatia è totalmente inutile.

E grazie al cazzo!

E già, vi starete chiedendo cosa ci sia di clamoroso, oppure avete sbagliato blog.

Ogni volta che rileggo i principi dell’omeopatia mi chiedo come possa esistere chi ne fa uso, poi penso alla Bibbia, mi guardo intorno e rido. Continua a leggere

Defcon 1

“L’Apocalisse non è la fine del mondo, ma piuttosto la fine del mondo come noi lo conosciamo. Tipo che tolgono il porno da internet.
(G. Paolini)
Non parlerò dei 10.000 morti nelle Filippine, che molti hanno già liquidato con commenti che spaziano da “sticazzi” a “un duro colpo al mercato delle colf”, perché di incazzarmi ancora con la mancanza di empatia non ho voglia. Lasciamo che il popolo dell’internet si indigni per la sparizione del pollice in su da Facebook, che ha già gettato nello sgomento un discreto gruppo di sociopatici.
Continua a leggere