Grillo vs Grillo: il vaffanculo non basta.

collodipapero

Gira in queste ore su internet un video di Beppe Grillo che, nel suo nuovo spettacolo, fa una pungente satira sui transessuali. Certo, la frase precedente è vera solo se diamo a “satira” lo stesso significato che le attribuiva Galeazzo Ciano e se diamo per buono che “pungente” sia sinonimo di “stronza ai limiti dell’imbarazzo”, ma mica possiamo cavillare. D’altra parte, come ci ricorda lo stesso Grillo nella martellante pubblicità di Netflix: “io scherzavo”. Bella battuta, ma vecchia.

Continua a leggere

Advertisements

Aristerinodusodìa.

anovantagradi

L’aristerinodusodìa (dal greco “ἀριστερά”, sinistra, “ῥίς“, naso e “δυσωδία“, puzza) è una patologia piuttosto comune che colpisce una porzione della popolazione ormai tragicamente limitata. Stavolta vi parlo col cuore in mano, giacché tragicamente ne sono afflitto anche io e in maniera piuttosto grave. Continua a leggere

10 modi per festeggiare Halloween se sei cattolico

anovantagradi

La chiesa cattolica ha sempre avuto un rapporto conflittuale con Halloween. Più di ogni altra, grazie soprattutto all’impulso del mai troppo compianto padre Gabriele “Ninja di Dio” Amorth, è sempre stata l’Associazione Internazionale Esorcisti a scagliarsi contro la blasfema All Hallows’ Eve, colpevole di incitare i giovani al satanismo al pari e anche di più di roba pericolosissima come Harry Potter, i videogiochi, la musica rock e pure qualche gioco da tavolo. È uscito il solito articolo delirante sui pericoli di Halloween anche quest’anno (il 2016 per noi, il 1416 per chi l’ha scritto) e la cosa mi ha portato a pensare: ma come fa un cattolico praticante a festeggiare Halloween senza incorrere nel furiosissimo sdegno divino? Ecco quindi la mia  lista di 10 cose divertenti che un cattolico può fare per Halloween.

Continua a leggere

Fertility Day: #OffreLaDitta

anovantagradi

Beatrice Lorenzin, a me, fa un po’ pena. Incompresa, vilipesa, adesso anche indigente, tanto da chiedere ai creativi del web di realizzare un’altra campagna per il Fertility Day a titolo completamente gratuito.

Che poi, pensavo, non è una brutta idea. In fondo chiunque può partecipare, soprattutto rimanendo ai livelli qualitativi delle campagne precedenti che fra slogan banali, foto di scarsa qualità, font illeggibili e uno scarsissimo tatto hanno dimostrato come non serva nessun talento o professionalità per sfondare in Italia, basta proporre una campagna a caso, anche se oscena, a una persona sufficientemente incompetente che occupi un ruolo istituzionale di rilievo. Continua a leggere

Anestetelegia.

anovantagradi

L’anestetelegia (dal greco “ἀναίσθητος“, imbecille, e “ἔλεγχος”, argomento) è quel micro-universo di idee e pensieri espresso da chi pare ossessionato di apparire, agli occhi di chiunque provi a argomentare seguendo un filo logico, come uno stronzo rincoglionito. Continua a leggere

A favore dell’uso del cervello.

razzista3

È tanto che non scrivo.

Impegni, pigrizia, lavoro, e intanto i miei motivi di razzismo si accumulavano, fino al punto di essere più disgustato del solito.

Continua a leggere

Gender di merda.

collodipapero

In questi giorni ricominciano le scuole. E cosa c’è di meglio, per iniziare serenamente il nuovo anno scolastico, di una bella ondata di paranoia immotivata, piena d’odio e razzismo, imbastita ad uso e consumo della solita massa di decerebrati che allieta costantemente la nostra vita con un’incrollabile e ottusa mistura di idiozia e cattiveria?

Continua a leggere

Una grossa massa di merda.

collodipape

“Era quindi giusto che i sodomiti, ardendo di desideri perversi originati dal fetore della carne, perissero ad un tempo per mezzo del fuoco e dello zolfo, affinché dal giusto castigo si rendessero conto del male compiuto sotto la spinta di un desiderio perverso.”
(P. Franco)

Se dico Jobbik Magyarországért Mozgalo, meglio noto semplicemente come Jobbik, la prima cosa che mi viene in mente è Jabba Desilijic Tiure, meglio noto semplicemente come Jabba, il lumacone ciccione di Guerre Stellari. E invece no, non è un gasteropodo alieno, ma un partito politico nazionalista, conservatore, ed antieuropeista di estrema destra, ai limiti del neonazismo, attivo in Ungheria dal 2003.

L’unico elemento in comune fra Jobbik e Jabba è quella di essere facilmente confusi con una grossa massa di merda.

Continua a leggere

Ogni mattina una gazzella si sveglia e sa che il leone è gay

tupperwaste

Vi leggo molto pessimisti e rassegnati, lo capisco e perciò oggi accorro in vostro aiuto con delle buone notizie. Finalmente anche noi italiani possiamo essere apprezzati per importanti primati (no, non Borghezio), quelle cose che racconti fiero col petto in fuori alle gare a chi ce l’ha più lungo. “Ehi ma noi siamo al primo posto” e giù gli appluasi, la standing ovation, i pianti di commozione ecc. ecc.

Le risate registrate.

Continua a leggere

Annuncio ritardo.

collodipape

“Se l’amore ha bisogno della verità, anche la verità ha bisogno dell’amore.”
(J. Morrison)

Ora, la notizia, riportata dal Fatto Quotidiano e a ruota da tutti gli altri, non è che trabocchi di fonti. Ma sembra abbastanza plausibile. Voglio dire, che un professore di religione infili a colpi di anfibi mezz’etto di omofobia in un test fatto fare agli studenti per… boh, misurare… er… la percezione di… qualcosa, che comunque l’ha scritto un professorone americano, sembra comunque plausibile.

Che poi, oh, non so se ve lo siete perso, ma si può fare. Perché grazie all’onorevole (?) Gitti, puoi tranquillamente dare del frocio a un frocio se hai alle spalle un movimento politico, sindacale, culturale, sanitario, di istruzione, di religione o di culto. In pratica, sempre.

Continua a leggere