Scoperti tre pianeti simili alla Terra. Clicca qui per vedere un gattino.

Scientificamente parlando, temevo che nell’arco della mia vita avrei potuto festeggiare, al massimo, il fatto che possiamo usare un telefono strusciando le dita su un vetro strano invece che pigiando pippoli di plastica. Che è figo, se non pensi che l’uso principale che ne viene fatto è quello di postare gattini su Facebook e condividere articoli di Tze Tze.

Continua a leggere

Advertisements

Baustello Figo

Una disamina ironica, ma inopportunamente musicata, di Franco Sardo

Due fenomeni musicali stanno scuotendo le fondamenta della sonnecchiante società italiana animando dibattiti, provocando laceramenti fra i vari schieramenti, esaltando in tutti quanti uno spirito partigiano che non si vedeva dai tempi della guerra fredda fra Adriano Celentano e Gianni Morandi, oppure, ancora peggio, fra Claudio Villa e Domenico Modugno, per non parlare del conflitto acceso fra gli autori della sigla del Tg1 e quelli di quella del Tg5.Certo in un mondo in cui ci erano state promesse macchine volanti, viaggi nel tempo e bonissime cameriere robotiche sessualmente disponibili, ritrovarsi ad annaspare tra cinegri e razzisti non è il massimo dello stimolo.

Continua a leggere

B(i)anco Natale

La Guardia di Finanza sequestra 20 automobili e segnala 251 persone in un’operazione contro l’abusivismo relativo al servizio di taxi presso il solo aeroporto di Fiumicino.
Cosa abbia portato i militari a togliersi il prosciutto da gli occhi non è noto, quello che è noto invece è il problema di un paese che altalena tra la politica della “tolleranza zero” e la filosofia della “arte di arrangiarsi”. Un’altalena dalla quale il paese cade giù di faccia rialzandosi ogni volta. E ogni volta con una faccia che va dall’espressione sveglia del Trota a quella sapiente di Gasparri.

Continua a leggere

Sarò anche storpio, ma i miei gliel’hanno fatta vedere!

L’Emilia Romagna approva l’obbligo di vaccinazione per l’iscrizione al nido.

L’unica vera proprietà dell’essere umano è il proprio corpo e obbligare questo corpo a delle modifiche forzate è una delle maggiori prevaricazione che altri uomini o la società organizzata possano perpetrare nei confronti dell’individuo.

Ma la vita è fatta di molti pesi e di molte misure.

Così l’ingiusto diventa necessità, financo giustizia, talvolta.

Continua a leggere

La democrazia del farcela

Falsi incidenti a Napoli, coinvolti giudici, avvocati, periti, medici…

Sono le persone, la gente, il popolo, il demos. O almeno una parte di esso.

Un parte importante, nel nostro paese.

Importanti perché rappresentano la valvola di sfogo della pressione sociale, della pressione fiscale, della pressione culturale, sono quelli che ci garantiscono che le cose non volgeranno mai al bene, ma che al contempo ci garantiscono che non volgeranno al peggio. Continua a leggere

Gioventù bruciacchiata

La faccenda genitori-figli-società si fa complicata, ma forse il problema è più semplice di quanto appaia.

Negli ultimi tempi abbiamo iniziato a notare, tra le pagine dei giornali, diversi articoli i cui argomenti erano relegati alle battute da quarantenni e qualche immagine su facebook: come si comportano i ragazzini di oggi? Che futuro ci aspetta? E, quindi o soprattutto, come si comportano i genitori di oggi?

Lungi da me fare un’approfondita analisi statistico-sociologica per la quale la redazione non ha voluto fornirmi i mezzi (saggiamente, dato che piuttosto li avrei utilizzati per andarmene in vacanza), ma che in giro ci sia una non meglio precisata, sebbene elevata, quantità di teste di cazzo appare empiricamente evidente, anche senza voler prendere le ultime elezioni come sondaggio autocertificativo. Continua a leggere

Il casino del silenzio

Non è un posto dove si fa sesso senza gemere, né è proprio il silenzio della ragione che comunque batte i piedi, si tratta solo di come il “primo mondo” stia abusando dello strumento della comunicazione.

Avrete notato, o magari no, che i paperi non hanno scritto una parola riguardo la sciagura del terremoto e tutta la merda che vi si sta formando attorno. Vi garantisco che non è perché non ce ne freghi un cazzo, ma c’è momento e momento, e in questo momento parlarne è quasi peggio che pregare.

Questo momento di silenzio, anche riguardo a un tema così vivo e sentito, mi ha portato a riflettere sul già paradossalmente decantato valore del silenzio. Un valore a cui noi stessi spesso, anzi regolarmente, rinunciamo, un valore la cui rinuncia, moltiplicata per tutti i frequentatori della rete, diventa una fiera di esposizione di QI versione tanga, cromosomi extra e diagnosi mancate che nemmeno una mostra canina dei freak. Continua a leggere

Nessuno ne parla…

…a parte quelli che ne parlano.

Ballando sulla vita delle persone al ritmo incalzante di The Sound of Silence cantata in assolo da Garfunkel, in Grecia si consuma l’ennesimo atto di certificazione della fallacia capitalista.

D’altra parte la fortuna della grandezza delle civiltà si è spesso, se non sempre, basata sulla sfortuna delle masse, come ci ricorda a proposito di piramidi e schiavitù il sempre valido C.K.

Continua a leggere

Che Vergogna

Coperti i nudi ai musei capitolini per la visita di Rouhani.

Il primo ministro iraniano avrebbe potuto non gradire. E pensare che per Charlie Hebdo hanno dovuto fare una strage. Per fortuna Donatello è già morto.

Ce ne cale il giusto, se ci abbassiamo le braghe con i cattolici non vedo perché non farlo con i musulmani o con gli ebrei. Gli ebrei, che da quando ha scoperto che hanno i soldi piacciono pure a Salvini. Continua a leggere

Spazio all’oroscopo

Paolo Fox sbotta in diretta TV, “ho poco spazio”.

“Ci mancherebbe altro” penseranno alcuni, “è assolutamente vero” penseranno altri, “e ‘sti cazzi?” si chiederanno i più saggi. E invece eccoci a tentare di essere più inutili dell’inutile, parlando di qualcosa che non parla di niente.

Tralasciando il caso specifico della trasmissione che dell’inutilità ha fatto il suo marchio di fabbrica, tanto da rendere Magalli un Cristoforo Colombo delle icone del nulla, diventato qualcosa facendo il giro dall’altra parte, troviamo il punto nella passione per il nulla che diventa qualcosa di cui si parla nell’oroscopo.

Continua a leggere