E invece è proprio la RAI.

collodipapero

Qualche giorno fa è morto Gianni Boncompagni. Il conduttore, paroliere e soprattutto autore televisivo viene ricordato con enorme affetto (dagli amici, com’è giusto che sia, ma anche dagli spettatori), soprattutto per i suoi primi successi radiofonici insieme a Renzo Arbore. Ma, ahimé, pur rispettando il dolore di chi l’ha conosciuto davvero, per me resterà il tizio che, con i fagioli della Carrà prima, con Domenica In poi, e infine con Non è la Rai, ha contribuito a “inventare” quel tipo di TV che ha poi generato reality, show dozzinali e programmi-contenitore che, parafrasando Forrest Gump, non sai mai cosa contengano: ok, potrebbero essere cioccolatini, ma dall’odore sembrerebbe proprio merda.
Continua a leggere

Advertisements

Sarò anche storpio, ma i miei gliel’hanno fatta vedere!

L’Emilia Romagna approva l’obbligo di vaccinazione per l’iscrizione al nido.

L’unica vera proprietà dell’essere umano è il proprio corpo e obbligare questo corpo a delle modifiche forzate è una delle maggiori prevaricazione che altri uomini o la società organizzata possano perpetrare nei confronti dell’individuo.

Ma la vita è fatta di molti pesi e di molte misure.

Così l’ingiusto diventa necessità, financo giustizia, talvolta.

Continua a leggere

Era meglio morire da piccoli

Che per essere “corretti” era meglio che morivate voi da piccoli.

D’altra parte si moriva meglio quando si moriva peggio.

Tra chi i figli non riesce a tenerseli nemmeno volendo, chi se ne dimentica tanto da non averne più e chi li fa proprio secchi, sembra che lentamente qualcosa si stia muovendo sul fronte procreazione. Dove non arriverà la civiltà (o l’inciviltà) arriverà la natura (sotto forma di ritardo mentale).

Tutta Cogne è paese, ciò nonostante in questo paese, in quanto tale, si fa ancora finta che il problema non esista, che chiunque possa figliare ed avere diritto di vita sui propri figli. Per avere un rigurgitino di condanna tocca aspettare la zingara con la pupa che elemosina “invece di andare a scuola”, ossia quel posto in cui i più scaricano i pargoli per il maggior tempo possibile, prima di lasciarli dai nonni o da zia TV. Continua a leggere

Gattini Marò: L’intervista

collodipapero
Gabriele Maestri è laureato in legge, volendo usare una formula riduttiva per qualcuno col suo curriculum in materia. Ed è anche un giornalista pubblicista che collabora con varie testate occupandosi di cronaca, politica e musica. Ma, soprattutto, è autore di vari libri, fra cui “I simboli della discordia” – interessante volume sulla storia, elettorale e non – dei simboli e dei contrassegni dei partiti italiani; come se non bastasse è anche colui che tiene le redini del blog omonimo.
Proprio il suo blog si è occupato del partito fondato da Benito Karimov, Gattini Marò per la Rete, all’interno della rubrica “Simboli Fantastici”, intervistando il nostro troll politico ufficiale su temi caldi come l’immigrazione, l’ambiente, l’economia, la sanità e ovviamente i nostri marò.

Continua a leggere

Un badile di merda e ghiaia.

anovantagradi

«Quando nostro figlio si ammalò di meningite, decidemmo di curarlo come sempre, con metodi naturali e fatti in casa. Gli davamo olio d’oliva, acqua e sciroppo d’acero e un composto fatto di radici, sidro di mele, peperoncino, aglio e cipolla».

David e Collet Stephan sono mormoni e fan della naturopatia. E sapete cosa si ottiene mettendo insieme una fede fortissima in dio, il rifiuto della scienza medica e una meningite? Ve lo dico io: un bambino morto.

Continua a leggere

Io sono più furbo di tutti

scusate

Muore una neonata di pertosse.

Il motivo per cui è morta è che era troppo piccola per essere stata vaccinata: di solito in questi casi esiste un meccanismo medico-sociale che si chiama immunità di gregge e che permette anche agli individui non vaccinati di essere protetti dal contagio di una malattia grazie al fatto che una certa percentuale di individui è vaccinata, e quindi il contagio non riesce a diffondersi.

Continua a leggere

Il vaccino contro l’idiozia.

“Mi pare lampante che il sistema vaccinale non costituisce quella protezione solida che si è soliti attribuirgli; anzi, è causa di disturbi che alterano financo il DNA nei bambini meno fortunati.”
(il mio idraulico)

La mattina, mentre vado in ufficio, m’imbatto sempre in tre matti alla fermata dell’autobus. Uno è perennemente agitato, ride in modo incontrollato e s’inventa cose a caso; uno è paranoico, ha una paura matta che gli operatori del centro diurno gli facciano il culo per qualcosa; il terzo è completamente alienato e fa discorsi senza senso.

Ovviamente, quando parlano di qualcosa, la analizzano con gli occhi irrazionali dell’insania cui sono condannati. Non sanno leggere correttamente la realtà, perché il loro cervello vede nessi e prove laddove non ce ne sono.

Continua a leggere