La setta di sciamani che inculava la gente in coma.

punkgiorno

“Tocamientos, sacramentos, felaciones, juramentos: te enseño mi doctrina en forma de erección. Abuso de los niños, perversión y puro vicio, bajo mi sotana puedes encontrar a Dios.”
Ska-P – “Crimen Sollicitationis”

Nel 2005, una piccola setta sciamanica americana fu al centro di uno scandalo. La setta era riconosciuta come “religione” dal 1999 ed aveva quindi ottenuto una serie di sgravi fiscali in Idaho e Oregon prima, nello stato di Washington poi, fino a diventare una comunità piuttosto ricca e consistente dal 2002, quando ottenne lo status di religione anche in Montana; tutte zone anticamente popolate da nativi americani e molto sensibili a quel tipo di cultura.
Continua a leggere

Annunci

Sbatti Charlie su Facebook

Una guida per principianti per essere un filo meno stronzi di Franco Sardo

Guardate bene questo screenshot. Leggete quello che c’è scritto. Sapete cos’è? E’ il modo con cui la vignetta di Charlie Hebdo sul terremoto è arrivata in Italia. La prima fonte. Il paziente zero. Notate la serenità con cui si commenta l’immagine? La pacatezza della posizione, che pur nello sforzo di comprendere la natura intima del messaggio, lascia al lettore la possibilità di uno sguardo autonomo e personale, ricreando al tempo stesso le medesime condizioni di contesto con le quali la vignetta è stata pubblicata in origine?

Continua a leggere

Parigi non è Beirut

Un’analisi diversamente sintetica di Franco Sardo

Sembra assurdo doverlo dire, ma per alcuni evidentemente non è chiaro: Parigi non è Beirut, Beirut non è Parigi.

Sui social network italiani di questi giorni sono fioccati i post e i commenti di sedicenti animi sensibili che citano pressapoco così: “Gne gne gne, fate tanto le frignette per Parigi ma di Beirut non ve ne frega un cazzo!” Ora, sgombriamo subito il campo da qualsiasi dubbio: a loro non gliene frega un cazzo di Beirut. Non gliene frega un cazzo di Beirut né di Parigi. O meglio, non vogliono che gliene freghi un cazzo e ci riescono, poi vedremo come.

Continua a leggere