Le donne di Facebook: la blogger a spargimento di cuori.

ostruzioni

Quando sono uscite le nomination per gli Oscar 2016, e nella sezione Miglior Film ho letto il titolo “La grande scommessa”, non vi nego che quelle stronze delle mie sinapsi hanno vissuto secondi di lancinante stato confusionale, tornando con ribrezzo all’anno del Signore 2014, quando voi tutti sembravate usciti dalla New York Film Academy. E quest’anno avete pure un giorno in più per rompere i coglioni. Tant’è.

Da oggi, per qualche articolo di Ostruzioni per l’Uso, parleremo delle donne sul Facebook. Esamineremo alcune categorie, le più agghiaccianti. So che gli elenchi a qualche appassionato stanno sul cazzo. Altri li adorano. Ma io scrivo per infastidire la prima categoria, altrimenti il posto in redazione me lo tolgono. Ecco le tre categorie candidate ai Paper-Oscar per la miglior bestemmia generata:

  1. La blogger a spargimento di cuori.
  2. L’utente Tena Lady.
  3. La Kasalinga Ke urta il Kazzo.

  1. La blogger a spargimento di cuori.

La blogger-a-spargimento-cuori (d’ora in avanti BSC) è quel tipo di ragazza/donna/casalinga/frustrata che in genere parte da un background mediatico e grafico paragonabile a quello di mio nipote di due anni. Considerato che non ho nipoti, immaginiamone la pochezza e vuotezza. La BSC insorge nel mondo web con dei layout che perturbanti è un aggettivo generoso. No, non perché siano quelli standard. Anzi, sarebbe bellissimo se optassero per il classico monocolore dei layout predefiniti per principianti. No. Loro preferiscono arzigogolare il tutto con immagini copertina o sfondi che istigano l’imbarazzo generando i più disparati scompensi emotivi, stimolando altresì il daltonismo. Parliamo di armoniosi sfondi fantafiabeschi, che fluttuano per il web come nemmeno la Torre d’Avorio alla fine della Storia infinita, allegoria di un mondo interiore costellato di amori, principi e cose belle. Cosa avviene per peggiorare un intro che è già graficamente lisergico? La scelta importantissima di scrivere articoli a sfondo mellifluo che traggono il contenuto dall’orifizio del nulla. Il tutto reso simpatico dal supremo font Comics Sans (solo a scriverlo un grafico è appena deceduto). Ora, quale tipo di letteratura potrà mai diffondere e propinarci codesta fanciulla parcheggiata da una vita davanti a tramonti e cascate? Ovviamente tutta un supplizio editoriale con mono tema harmonioso, che lei definirà letteratura. Dopo un po’ che è nel giro del fumo, e dopo una prima fase in cui sparge aforismi e cuori, la BSC trasfigura in modo velocissimo in critico/articolista/editor, senza nemmeno aver toccato un testo sacro della letteratura vera o i fondamentali della scrittura vera. La BSC, ahimè, vuoi per limiti di fascino esteriore, vuoi per sopraggiunta vecchiezza interiore anticipata, oppure per la frustrazione di non poter pubblicare le sue favolette (perché le case editrici per adulti hanno sto viziaccio malefico di rifiutare le storie d’amore alla Maple Town), costruisce un mondo parallelo sul suo blog, in cui altre invasate spargono cuori e condividono sogni, fatto che nei normodotati provoca extrasistoli. Io ve lo dico, da questo alla cardiopatia guardate che è un attimo. Consiglio? Tenersi lontani. E se siete scrittori veri, blogger seri, grafici o editorialisti, e ci transitate per provare la sensazione di sentirvi migliori, fate pure perché è praticamente garantito. Se invece pensate di dare consigli e migliorare la situazione… lasciate perdere.

Avido Mark, invece di rompere i coglioni con questa tua esperienza mistica genitoriale, che non hai fatto niente di speciale rispetto al normalissimo spargere del seme nelle vicinanze di due ovaie, mettici il tasto DONA UN LIBRO AL ROGO, sotto le pagine che rimandano a questi blog, facendoci salire un ecosistema interiore che ti vengono le farfalle pure nei dintorni dell’intestino crasso.

UOMINI! In ultimo mi rivolgo a voi, mariti col vizietto del pornino innocente! BASTA nascondervi! BASTA con la maniacale pulizia di cache e cronologia! BASTA vivere con la paura che vostra moglie spunti col mestolo e i sacramenti per redimervi. BASTA sentirvi in colpa. Guardatevi attorno, nelle librerie, sotto lo swiffer, dentro la biscottiera giallo-morte di nonna Teresa in cima alla credenza. E se scoprirete che il nuovo alleato di vostra moglie non è più il Bimby, ma un certo Ms Grey, allora avrete conferma: vostra moglie segue o amministra un blog a spargimento di cuori.*

Sturate, gente, sturate.

[M.C.]

*il mio più bastardo grazie a Syd Joyce, per la ricerca-intervento delle più appropriate locuzioni del male presenti in questo articolo. Leggere attentamente le ostruzioni, in caso di effetti collaterali consultare un medico, tenere fuori dalla portata degli imbecilli.

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...