Democrazia

Posted by

“Mio padre ha sempre creduto che fare l’amore con qualcuno fosse una cosa sacra e che non doveva succedere prima del matrimonio. In realtà, teoricamente, questo è sempre stato anche il mio ideale. Ma, oggi come oggi, è impossibile poter pensare di arrivare vergini al matrimonio.”
(L. Boldrini, discorso alla Camera)
Io l’avevo detto. L’unica mossa che poteva avere senso nel triello Bersani-Grillo-Berlusconi, l’unica chance che aveva il leader del PD di sparare a Sentenza (a parte sperare in sentenze) era quella di scaricare la pistola dell’avversario più sprovveduto.
Perché, diciamocelo, il Grillo Parlante e la Volpe un risultato così, che desse responsabilità più grosse di fare un’opposizione incazzata, non se l’aspettavano.
Scriverei un lungo pezzo su un ipotetico dopo elezioni grillino, ma l’ha già fatto Nebo che scrive davvero troppo meglio di me, per cui parlerò d’altro.
Come spesso accade, la situazione è il risultato di una serie di concause. Da un lato un risultato elettorale per il centro sinistra, che urla “svegliaaaah” manco fosse un grillino della prima ora. Dall’altro parlamentari cinquestelle che, nonostante gli sbraiti del megafono, sono andati lì davvero per cambiare le cose. Qualcuno magari non sperava di averne il potere, altri forse proprio perché ci credevano si sono detti “perché no?”, sta di fatto che al momento in cui si sono trovati davanti due persone perbene, come l’ex Capo della Direzione Nazionale Antimafia e l’ex Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, hanno deciso che quelle persone non erano poi così male, come “moderatori” dei dibattiti parlamentari. Anche perché, diciamocelo, Schifani faceva cacare la merda come presidente del Senato.
Somma di fattori, dicevo. Già, perché se Bersani è stato costretto a sparare i nomi di Grasso e Boldrini e non quelli di qualche faccia nota è stato proprio per la presenza dei parlamentari cinquestellati. Se Bersani avesse proposto Franceschini e i grillini gli avessero scoreggiato in bocca all’unisono, probabilmente per una volta avrei applaudito loro. Saranno stati i saggi consigli di Civati? Non saprei: contando la media di post sul suo blog e la lunghezza degli stessi, mi chiedo dove cazzo trovi il tempo di partecipare attivamente alla vita politica. Se ci riesce, avrà i reni a pezzi.
Grillo tuona, e soprattutto cancella, costretto – dai fatti – al fuoco amico. Però stavolta il fuoco amico non è contro semplici attivisti, ma contro Senatori della Repubblica: se anche lo sfogo può sembrare in qualche modo legittimato da quel non-regolamento firmato dai non-parlamentari, sta di fatto che un Senatore eletto dai cittadini esercita la sua funzione senza vincolo di mandato, lo dice la Costituzione, che insieme alla coscienza e alla voglia di cambiare sono ragioni più forti di qualsiasi scomposto frinito.
Anche se forse qualche voto è piovuto da Scelta Civica, il professor Monti fa invece una delle peggiori figure di merda della sua carriera, rifiutandosi di votare due personalità di tutto rispetto, e impuntandosi come un bambino. La sua scelta di fare lo stronzo è un pochino fuori luogo, e dunque è giusto che ora, come si suol dire, gli tocchi sorbirseli, e della specie più amara.
cazzi
Nel frattempo, Popolino sul suo blog gioca ancora alla fantapolitica, tanto per pulirsi la bocca dopo aver immerso la lingua fra le chiappe del neo-papa, un papa che in effetti sembra somigliargli molto (vediamo davvero quanto si rivelerà capocomico e quanto invece un papa per bene), mentre il paese prova ad andare avanti, oltre i suoi deliri, anche grazie a quelli che sono entrati in politica grazie ai suoi vaffanculo, e che ora siedono dove le cose si possono fare, oltre che urlare.
In sostanza, non credo che l’attuale situazione sia merito del M5S, o del PD, o di SEL, o di Civati (LOL), o dei nomi o dei voti o di calcoli strategici e scelte tattiche: credo sia merito di una Politica che, grazie a tutti, prova a rinnovarsi e a salvare il salvabile, grazie a gente che ha a cuore il paese indipendentemente dal proprio credo politico. Tanto, è bene saperlo, non importa quanto si urla contro la Politica, ci sarà sempre qualcuno che userà la testa contro i dogmi e le imposizioni.
Siamo una Repubblica Democratica, nata dal sangue di chi ha lottato per costruirla, e Democrazia non c’è modo di ucciderla, senza usare la violenza.
[M.V.] 
Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...